COME AVERE CURA DEL TUO EROGATORE

Alcuni consigli su come trattare l’erogatore durante il suo regolare utilizzo e nei periodi d’inattività.

Assicurati che l’attacco della rubinetteria delle bombole che utilizzerai per l’immersione sia libero da ogni tipo di ostruzione come sabbia o residui evidenti di sale prima di collegare il tuo erogatore. Un buon escamotage è quello, oltre all’ispezione visiva, di aprire e chiudere repentinamente il volantino della rubinetteria in modo che la pressione dell’aria, liberi la sede da eventuali residui. Una volta montato l’erogatore alla bombola, assicurati, prima di aprire il volantino della rubinetteria, di tener premuto il pulsante di scarico manuale presente sul secondo stadio in modo da attenuare il colpo che la forte pressione dell’aria, darebbe ai vari elementi dell’erogatore. Dopo qualche secondo di erogazione continua, puoi rilasciare il pulsante e aprire tutta la mandata della rubinetteria facendo poi un mezzo giro di volantino verso la chiusura.

La fase più importante della cura del tuo erogatore inizia proprio quando finisce l’immersione.

Quando ti appresti a smontare il tuo erogatore dalla bombola, assicurati di avere a portata di mano il tappo di protezione del primo stadio e soprattutto che sia asciutto e privo di eventuali residui. Assicura il tappo al primo stadio in modo che sia garantita la tenuta. In caso di attacco DIN controlla che il tuo tappetto di protezione del primo stadio sia del tipo con filettatura a vite, perché è l’unico che riesce a garantire una tenuta sicura. Nel raro caso in cui i tuoi secondi stadi siano del tipo “upstream” ricordati che l’erogatore deve essere sciacquato mentre si trova in pressione e quindi collegato alla bombola.

Una volta giunto al tuo punto di risciacquo immergi il tuo erogatore in acqua per almeno una decina di minuti in modo da permettere al sale di sciogliersi del tutto e distaccarti da tutte le parti del tuo erogatore. Una volta tolto dall’immersione sarebbe buona cura sciacquarlo con dell’acqua corrente per eliminare eventuali residui.

Adesso puoi riporre l’erogatore in luogo fresco e ventilato per l’asciugatura, assicurati che tutta l’acqua presente nei secondi stadi sia fuoriuscita in modo da non permettere al calcare di formarsi all’interno.

Devi sapere che oltre al metodo di risciacquo classico nel nostro negozio online sono presenti prodotti che accelerano e potenziano la procedura di cura del tuo erogatore.

Ricorda di sottoporre il tuo erogatore a regolare controllo almeno una volta l’anno per poterti garantire la sicurezza e goderti a pieno l’immersione.

EDPSPORT si avvale del suo laboratorio interno alla struttura e per qualsiasi chiarimento non esitare a contattarli alla mail assistenza@emporiodiving.com oppure telefonando allo 06/575132 chiedendo dell’assistenza tecnica.

Buon divertimento con i vostri erogatori.

Gianluca Rossi