SCUBAPRO EASYDON

  • Auto-indossante
  • Massima versatilità: utilizzabile con mute stagne, semistagne oppure umide
  • Resistente alla perforazione e allo strappo
  • Colla priva di solventi
  • Superficie ruvida per una presa perfetta
  • Forma anatomica
  • Sottoguanti inclusi

Maggiori dettagli

Descrizione

LOGO%20SCUBAPRO.jpg

Questi guanti sono progettati per l'utilizzo con mute stagne, semistagne oppure umide

Il morbido polsino in lattice assicura la massima tenuta senza rinunciare al comfort!

I guanti sono realizzati in lattice vulcanizzato di alta qualità, che conferisce loro un'elevata elasticità e li rende altamente resistenti alla perforazione e allo strappo.

La superficie ruvida consente una presa perfetta quando si utilizzano strumenti, rubinetti ed erogatori.

La forma anatomica dei guanti consente un uso prolungato senza causare affaticamento.

COLLA ALPHA

La prima colla a base d'acquasenza solventi, per uso subacqueo, ora utilizzata su tutti i prodotti in neoprene SCUBAPRO (ad eccezione dei calzari) più spessi di 1,5 mm.

N.B. I guanti di ricambio (destra e / o sinistra) così come i kit O-ring e gli anelli di ricambio possono essere acquistati separatamente.

I sottoguanti sono inclusi!

DETTAGLI

  • Realizzato nelle taglie: S - M - L - XL - 2XL.
  • Materiale polsino: Lattice (il fit può essere personalizzato sulla base delle proprie necessità).
  • Materiale guanto: Lattice vulcanizzato.
  • Superficie ruvida per massimizzare la presa sugli strumenti.
  • Profilo anatomico per la massima sensibilità.
  • Colla "Alpha" priva di solventi.
  • Sottoguanto incluso.

IL CONSIGLIO DELL'ESPERTO

Molti subacquei si rifiutano di provare i guanti stagni per paura di non avere "abbastanza sensibilità"...

Sfatiamo una volta per tutte questo "mito": indossando per la prima volta i guanti stagni si potrà anche avere una sensazione di minore destrezza rispetto ad un tradizionale guanto umido da 3 mm MA non bisogna sottovalutare il fatto che, utilizzando un guanto umido di ridotto spessore (quindi di ridotta capacità termica) le nostre mani si raffredderanno molto di più, perdendo sensibilità!

Quindi - se "lamentate" freddo alle mani - è giunto il momento di passare ai guanti stagni!

Il modello Easy Don rende l'indossaggio dei guanti stagni semplice e veloce!

Volete un guanto con un minore ingombro? Avete un compagno disposto ad aiutarvi durante la vestizione?

Allora gli SCUBAPRO EASY DRY sono i guanti stagni che fanno per voi!

COME UTILIZZARE CORRETTAMENTE UN GUANTO STAGNO

Se si utilizza una muta umida o semistagna, la tenuta del guanto va inserita sotto il polsino della muta.

Se, invece, si utilizza una muta stagna, la guarnizione del guanto può essere collocata sia sopra che sotto il polsino della muta.

Quando si pianificano immersioni profonde, il sottomuta deve essere inserito sotto il polsino della muta in modo che una parte di esso rimanga all'interno dei guanti, consentendo un flusso d'aria tra i guanti stessi e la muta.

Le guarnizioni in lattice sono dotate di rilievi concentrici che funzionano come guide per il taglio, in modo da poter essere accuratamente rifilate per adattarle alla propria misura.

Utilizzando un paio di forbici affilate, rifilare un anello alla volta fino a quando la tenuta diventa comoda, pur restando sufficientemente stretta attorno al polso.

Usare la massima cura e precisione mentre si rifilano i rilievi con forbici affilate.

Lasciare una superficie liscia, poiché bordi sfrangiati possono causare lo strappo del materiale, rendendo necessaria la sostituzione della tenuta.

N.B.  Non rifilare troppo per evitare che le tenute diventino eccessivamente larghe e possano causare infiltrazioni d'acqua.

Assicurarsi di tagliarle in modo pulito e non lasciare intaccature che possano trasformarsi in strappi.

Non indossare tenute troppo strette poichè potrebbero limitare il flusso sanguigno!

CONSIGLI PER LA MANUTENZIONE

Conservare i guanti stagni in un luogo fresco e asciutto tra i +5 °C e +20 °C, al riparo dalla luce solare diretta.

La luce ultravioletta nel tempo degrada il lattice.

Se i guanti sono stati esposti a basse temperature, diventano rigidi e perdono la flessibilità.

Questa condizione non è permanente e può essere risolta immergendoli brevemente in acqua calda.

Dopo l'immersione i guanti devono essere risciacquati in acqua dolce.

Non usare oli o lozioni sui guanti.

Evitare il contatto con il rame.

Prima di riporli per un certo periodo di tempo, cospargerli esternamente e internamente con talco puro come conservante.

Non usare talco cosmetico profumato, in quanto contiene oli che possono danneggiare il lattice.

Da EdpSport trovi il TALCO MINERALE nel formato da 125 g.